azioni

LE 4 AZIONI DEL PROGETTO HANNO PREVISTO:

A. Conservazione e moltiplicazione delle entità vegetali endemiche e minacciate in situ e ex situ;

B. Azioni per la conservazione della specie prioritaria Lanario (Falco biarmicus feldeggi), Capaovaccaio (Neophron percnopterus);

C. monitoraggio di aree utili alla realizzazione del progetto e a future azioni di conservazione;

D. Azioni di divulgazione e sensibilizzazione.

 

AZIONE A

CONSERVAZIONE E MOLTIPLICAZIONE DELLE ENTITÀ VEGETALI ENDEMICHE E MINACCIATE

 

Inoltre, è di competenza del Museo Orto Botanico la supervisione scientifica sia delle attività relative alla sottoazione A.8 di competenza del Comune di Gravina in Puglia e sia dell’Azione C per l’individuazione delle aree idonee per gli interventi di traslocazione in situ

Per la raccolta e il reinserimento in natura delle entità vegetali il Museo Orto Botanico dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” ha coordinato tutta questa azione: conservazione ex situ, nella Banca del Germoplasma del Museo Orto Botanico, ed in situ, nei territori del Parco Nazionale dell’Alta Murgia e del Parco Naturale regionale “Terra delle Gravine”, di specie vegetali di particolare rilevanza conservazionistica, in quanto a rischio di estinzione, rare, endemiche o comunque di importanza fitogeografica, fornendo specifiche professionalità, formando eventuali operatori e dirigendo l’allevamento ex situ delle entità vegetali.

I dati relativi alle azioni specifiche di conservazione in situ e le aree idonee alla rinaturalizzazione e conservazione delle specie vegetali sono state implementate sul Sistema Informativo dell’Ufficio Parchi della Regione Puglia.

 

AZIONE B

AZIONI PER LA CONSERVAZIONE DELLA SPECIE PRIORITARIA LANARIO (Falco biarmicus feldeggi)I

Le azioni di conservazione del Lanario sono coerenti sia con il piano di azione internazionale redatto da BirdLife International per la Commissione europea nel 1999, sia con il piano nazionale redatto dall’Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica (INFS). Il centro per la riproduzione del Lanario, attrezzato con le strutture e le professionalità necessarie (voliere, personale, veterinari, ecc), è stato  realizzato presso una struttura pubblica: Osservatorio Faunistico Regionale della Regione Puglia.

Le attività di monitoraggio e di haking sono state coordinate da un responsabile scientifico e svolte da personale con competenze specifiche ed opportunamente formato. Particolare attenzione è stata posta nel reperimento dello stock di riproduttori che devono appartenere alla sottospecie autoctona di lanario, e provenire almeno da individui della popolazione italiana.

AZIONE C

INDIVIDUAZIONE DI AREE COLTIVATE E/O DEGRADATE AI FINI DELLA REINTRODUZIONE IN SITU DELLA FLORA E RECUPERO TROFICO PER IL LANARIO

Il progetto ha previsto all’interno delle proprietà pubbliche, ricadenti nella perimetrazione del Parco Naturale Regionale “Terra delle Gravine” e del  Parco Nazionale “Alta Murgia”, l’individuazione e caratterizzazione floristica delle specie vegetali moltiplicate e coltivate ex situ, con individuazione catastale. Nelle stesse aree sono state individuate le zoneprossime ai siti di nidificazione del lanario, utili ai fini della rinaturalizzare a scopo trofico in previsione di ulteriori interventi.

 

AZIONE D

AZIONI DI DIVULGAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

Le azioni di divulgazione previste si ritengono sono state indirizzate alla sensibilizzazione delle popolazioni e degli amministratori locali. Sono state previste varie iniziative coordinate sinergiche attraverso:

  • Produzione materiali divulgativi sul progetto, poster, depliant, manifesti, ecc.;
  • Sensibilizzazione nelle scuole, attraverso incontri finalizzati nelle classi;
  • Realizzazione di un sito web, inserito nel sito ufficiale dell’Assessorato all’Ecologia;
  • Cartellonistica didattica e informativa;
  • Campagna stampa;
  • Produzione di un rapporto finale;
  • Convegni iniziale di presentazione e finale sui risultati conseguiti.
  • La realizzazione di tutte le iniziative a carattere di comunicazione verrà affidata attraverso bando pubblico.